UNIRSM Design Persone Omar Vulpinari

Omar Vulpinari

Profilo biografico

Omar Vulpinari è strategist, direttore creativo, designer, trainer, e facilitatore negli ambiti dell’innovation design, del service design, e della brand communication con trent’anni di esperienza internazionale. Lavora globalmente per organizzazioni non-profit, enti pubblici, università e aziende private. 

È docente all’Università di Bologna, alla Bologna Business School, e all’Università di San Marino. È stato leader del corso MDes Service Design Innovation alla University of the Arts London – London College of Communication.

Dal 1998 al 2013 è stato responsabile dell’area Expanded Media e capo del dipartimento di Visual Communication a Fabrica, il centro di ricerca del Gruppo Benetton.

Qui ha diretto gruppi multidisciplinari di giovani artisti, designer e tecnologi dedicati all’esplorazione di nuove forme di creatività legate ad Internet, alla tecnologia mobile, alla realtà aumentata, a prodotti e spazi interattivi, alle sensorialità alternative, al retail e nuovi media e a strumenti digitali espressivi.

Si è dedicato a progetti di comunicazione sociale per UNWHO, UNICEF, UNESCO, UNDCP, UNICRI, The World Bank, Lawyers Committee for Human Rights, Witness, Amnesty International, Reporters Without Borders, Teachers Without Borders, Ministero Welfare Giapponese, AVIS, INAIL.

Ha sviluppato progetti commerciali e culturali per United Colors of Benetton, Samsung, Coca-Cola, Porsche, Cult TV-Fox International, Alessi, Killer Loop, Playlife, ArteFiera Bologna, Palazzo Te Mantova, Istituto Luce, Piaggio, Vespa, Nikon, Juventus FC, Banca Sella, Regione Friuli Venezia Giulia, Comune di Venezia, The New Yorker Magazine, D&AD, ICOGRADA, Walrus Magazine, Flash Art Magazine, Design Issues-MIT Press Journal, Edizioni San Paolo, Famiglia Cristiana, Electa, Internazionale, Corriere della Sera, La Repubblica.

Nel 2008 il progetto UNWHO-UNICEF Global Child Injury Prevention è stato premiato con il Graphis Platinum G Advertising Award. Dal 2010 al 2012 ha ricevuto tre Good Design Award per le campagne UNWHO Climate Change Hurts, Decade of Road Safety, e Disabling Barriers.

Numerosi progetti sono stati esposti al Centre Pompidou Parigi, La Triennale Milano, Red October Mosca, Shanghai Art Museum, Shiodomeitalia Creative Centre Tokio, Ginza Graphic Gallery Tokio, DDD Gallery Osaka, ZeroOne Design Centre Seoul, MAK Vienna, MACRO Roma, Chaumont International Design Festival.

Nel 2007 Taschen ha dedicato al suo lavoro indipendente una sezione nel volume Contemporary Graphic Design.

Dal 2007 al 2012 è stato vice president ICOGRADA (oggi Ico-D), founding editorial director di Iridescent (The ICOGRADA Journal of Design Research) e co-editor per The ICOGRADA Design Education Manifesto 2011.

È stao regional ambassador per Index: Design to Improve Life Awards e segnalatore di candidati per The Sir Misha Black Medal and Award for Innovation in Design Education.

Dal 1986 al 1997 è stato designer per Fuorischema/Dolcini Associati, studio pioniere della grafica di pubblica utilità in Italia.

Pubblicazioni

Libri 

Audrey G. Bennett, Omar Vulpinari, Icograda Design Education Manifesto 2011, Icograda, Montreal, 2011

PDF scaricabile http://www.icograda.org/news/year/2011_news/articles2246.htm

 

Iridescent Volume 1. 2009-2011, The Icograda Journal of Design Research, Max Bruinsma (supervising editor), Omar Vulpinari (editorial director), Icograda, Montreal, 2011

PDF scaricabile http://www.icograda.org/news/year/2011_news/articles2247.htm

 

Renzo di Renzo, Omar Vulpinari, Diversity, Fabrica, Treviso, 2005

 

Anthon Beeke, Nick Bell, Ken Cato, Shigeo Fukuda, Fernando Gutiérrez, Werner Jeker, Uwe Loesch, Stefan Sagmeister, Serge Serov, Omar Vulpinari, Area: 100 Graphic Designers, Phaidon, London, 2004

 

Renzo di Renzo, Elisabetta Prando, Omar Vulpinari, Fabrica 10: From Chaos to Order and Back, Electa, Milan, 2004

 

Elisabetta Prando, Renzo di Renzo, Omar Vulpinari, Fabrica Files 13-18, Electa, Milan, 2004

 

Elisabetta Prando, Renzo di Renzo, Omar Vulpinari, Fabrica Files 07-12, Electa, Milan, 2003

 

Elisabetta Prando, Renzo di Renzo, Omar Vulpinari, Fabrica Files 01-06, Electa, Milan, 2003

 

Omar Vulpinari, If, Fabrica, Treviso, 2002

 

Omar Vulpinari, Visions of Change, Fabrica, Treviso, 2002

 

Omar Vulpinari, Editorials, Fabrica, Treviso, 2001

 

Articoli

Peter Bilak, Jessica Helfand, Richard Hollis, Emily King, Linda Kudrnovská, Colin Davies e Monika Parrinder, Omar Vulpinari, “Perché Scrivere di Graphic Design?”, Progetto Grafico, anno 10, n. 21, estate 2012, pp. 42-43

 

Omar Vulpinari, “Non esiste un solo modo per definire la comunicazione sociale”, La Comunicazione Sociale di Fabrica, Comune di Treviso, Treviso, 2012, pp. 2

Ripubblicato online at http://aiapzine.aiap.it/news.php?ID=13838&draftPreview=1

 

Omar Vulpinari, “Its A Baby”, I Heart Design: Remarkable Graphic Design Selected by Designers, Illustrators, and Critics”, Rockport, Beverly, 2011, pp. 150-151, curato da Steven Heller

 

Omar Vulpinari, “Understanding the World in an In-Between World”, Shaping Voices, Oogachtend, Leuven, Belgium, 2010, pp. 14-21, curato da Steven Devleminck, Inge Gobert, Johan Van Looveren

 

Omar Vulpinari, “To Die For”, Design School Confidential, Rockport, Beverly, 2009, pp. 82-85, curato da Steven Heller, Lita Talarico

 

Omar Vulpinari, “Distinctive Opportunities”, The Education of a Graphic Designer, second edition, Allworth Press, New York, 2005, pp. 131-132, curato da Steven Heller

Ripubblicato online http://www.icograda.org/feature/current/articles281.htm

 

Omar Vulpinari, “Inside Fabrica”, Desktop, Issue 205 – AGIdeas Special, May 2005, Melbourne, pp.27

 

Omar Vulpinari, “Gallery Talk”, 2003 Graphic Design Annual DNP: Ginza Graphic Gallery – DDD Gallery, Nippon Printing Co, Tokyo, 2003, pp. 48-51, curato da Ginza Graphic Gallery

 

Omar Vulpinari, “L’esperienza di Fabrica”, Blueindustry #2: InForm+Action, Fantoni Research Center, Udine, 2003, pp. 164-165, curato da Anna Lombardi, Patrizia Lugo

Interessi di ricerca

Il futuro della formazione al design.